GUSEN OGGI

Questa terra è stata luogo di sofferenza e morte per moltissime persone, una terra macchiata per sempre dall’odio nazista e dal sangue di innocenti. Eppure oggi sembra che tutto questo non sia mai successo.

Del perimetro originale del campo oggi non c’è traccia, nel tempo sono state eliminate baracche e strutture concentrazionarie per far posto ad abitazioni private.

DSCN7463

Per evitare che si perdesse completamente ogni ricordo di Gusen, nel 1961 l’associazione dei superstiti ha dovuto acquistare un lotto di terreno e vi ha eretto una struttura commemorativa, opera dell’architetto Lodovico Barbiano di Belgiojoso, che fu egli stesso prigioniero a Gusen.

Il memoriale di Gusen, inaugurato nel 1965, oltre alla camera a gas, contiene foto e documenti a testimonianza della vita e dello sterminio dei deportati.

IMG_6400

La cosa che mi ha colpito veramente molto è pensare che quello che una volta era l’ingresso del campo di concentramento ora è una villa.

Tutte questa case sovrastano un posto in cui l’uomo ha dato prova della sua meschinità, le loro finestre, come mille occhi impassibili, guardano ciò che resta di migliaia e migliaia di vite.

Ma come fanno le persone ad essere così indifferenti davanti a questa realtà?

IMG_6404

Annunci